Buongiorno a tutti! Abbiamo deciso di creare delle nuove guide fai da te che possono aiutarti a recuperare oggetti o complementi d’arredo rovinati dal tempo.

Guide_lampade_lampadari_complementi_arredo_restauro_sedia_poltrona_gommapiuma_poliestere_Moruso_riciclo_creativo_upcycled__Balon-lamps_Torino_Milano_genova_roma_treviso_trento_emilia_rom

In questo primo articolo, ti spieghiamo come abbiamo fatto a recuperare delle sedie di design (vedi foto a lato) dall’interno composto di poliuretano espanso schiumato, molto danneggiate.

Come sapete la gommapiuma (nome comune del poliuretano espanso) ha il difetto di deteriorarsi a causa dell’eccessivo utilizzo, dell’età o delle condizioni nelle quali è conservato.

Un appartamento molto caldo, l’insolazione diretta possono rovinare irrimediabilmente la gommapiuma che risulterà sfarinata e friabile.

Nel nostro caso le poltroncine sono realizzate in un unico stampo di poliuretano, non è stato quindi possibile rivestire le parti logorate con un ulteriore strato in gommapiuma o spugna. Abbiamo quindi utilizzato una tecnica nota ai restauratori di auto d’epoca che spesso si trovano a dovere risolvere problemi simili con i sedili delle vecchie auto.

Per potere procedere, avrai bisogno di:

  • colla vinilica
  • rete in poliestere
  • forbici
  • pennello

La tecnica è quella di rivestire le poltrone con una rete contenitiva spennellando la colla vinilica precedentemente diluita in acqua.

Guide_lampade_lampadari_complementi_arredo_restauro_sedia_poltrona_gommapiuma_poliestere_Moroso_riciclo_creativo_upcycled__Balon-lamps_Torino_Milano_genova_roma_treviso_trento_emilia_rom

Il consiglio è di procedere applicando dei ritagli di rete opportunamente sagomati.

Procedi dalla seduta e fodera tutta la superficie avendo cura che i due materiali (gommapiuma e rete) siano ben aderenti.

bty

Lascia asciugare (il tempo varia ma ci vorrà almeno un giorno per una completa asciugatura della superficie), ritocca le eventuali parti che risultano deboli e una volta finito il primo passaggio inizia a rinforzare con delle nuove pezze tutte quelle parti soggette a maggiore usura come lo schienale, i braccioli e i bordi della seduta.

Lascia asciugare la colla e procedi con un ulteriore strato se lo ritieni necessario.

E’ importante che il tessuto sia aderente e che non si creino “crepe o sporgenze” che altrimenti si vedrebbero sotto la fodera.

Nel nostro caso le poltroncine sono sfoderabili e quindi abbiamo dovuto porre molta attenzione affinché il risultato fosse impeccabile e soprattutto che si potesse ripetere l’operazione di rimozione delle fodere più volte negli anni futuri.

Guide_lampade_lampadari_complementi_arredo_restauro_sedia_poltrona_gommapiuma_poliestere_Moruso_riciclo_creativo_upcycled__Balon-lamps_Torino_Milano_genova_roma_treviso_trento_emilia_rom

 

Annunci