Wikipedia la definisce semplicemente come l’arte o la capacità cognitiva della mente di creare e inventare.

Questa capacità è stata sempre oggetto di studio nella storia dell’uomo, tra le moltissime definizioni la più citata è quella fornita dal matematico Henri Poincaré: “Creatività è unire elementi esistenti con connessioni nuove, che siano utili”.

Uno dei modelli più usati è per fasi successive di Graham Wallas e Richard Smith, del 1926 in “The art of thought”, L’arte del pensiero.

Le fasi descritte da Wallas sono cinque, ma nella maggior parte delle pubblicazioni vengono ricondotte a quattro:

• preparazione: la raccolta dei materiali e delle informazioni su cui lavorare e la loro organizzazione. Chiede un atteggiamento metodico e sistematico. A volte un’indagine viene messa in moto da un colpo di fortuna.
Caratteristiche di questa fase sembrano essere: capacità di individuare un problema, familiarità con i fatti di base, orientamento a trovare una soluzione.

• incubazione: l’elaborazione mentale dei materiali disponibili, alla ricerca di un ordine che produca un nuovo senso. È un processo che si sviluppa per prove ed errori, per flussi di pensiero apparentemente disordinati, altalenanti. Continua anche in momenti nei quali l’attenzione cosciente è sospesa. Per esempio, nel sonno.

• illuminazione o insight: l’intuizione, spesso istantanea, dell’esistenza di una soluzione inaspettata e differente da tutto quanto si era ipotizzato in precedenza. Sembra presentarsi in modo spontaneo e inatteso. È spesso unito a una forte reazione di carattere emozionale. Il fatto che una soluzione si presenti all’improvviso è piuttosto sorprendente anche per chi lo sperimenta.

• verifiche: prove, messe a punto e formalizzazione. Dice Einstein : … è molto raro che io pensi con parole. Mi balena il pensiero, e solo più tardi posso cercare di esprimerlo… in tutti questi anni ho avuto la sensazione di muovermi in un senso preciso, verso qualcosa di concreto… una cosa profondamente diversa dalle considerazioni successive sulla forma logica della soluzione. Naturalmente dietro questo senso di una direzione precisa c’è sempre qualcosa di logico; ma per me si presenta sempre come una specie di sguardo generale; in un certo senso, visivamente.

Lampade_Daddy_radio_riciclo_creativo_creatività_idee_lampadari_Balon_Lamps_Torino
Radio-lampada Daddy le fasi del processo di lavorazione: dal primo bozzetto alla realizzazione finale
Lampade_da_terra_riciclo_creativo_idee_lampadari_Balon_Lamps_Torino
Lampada da terra le fasi del processo di lavorazione: dal bozzetto alla realizzazione finale
Lampade_arredo_bagno_riciclo_creativo_idee_lampadari_Balon_Lamps_Torino_Italy
Lampada bagno le fasi del processo di lavorazione: dal bozzetto alla realizzazione finale

Link delle fonti:

http://nuovoeutile.it/come-si-esprime-la-creativita-i-modelli-del-processo-creativo/

http://www.energiacreativa.org/2015/03/alla-ricerca-della-creativita-le-fasi.html

Annunci